Il gambero di Oneglia

Il mio ingrediente segreto è il gambero di Oneglia. È il re del sapore tra gli animali che camminano sul fondo del mare. La pesca è giustamente stagionale, la raccolta scarsa, la merce preziosa. La livrea è rossa, con sfumature viola verso il capo. Le antenne sono lunghe e arricciate.
La carne è bianca e soda e muta colore durante la cottura. La polpa cruda è fresca, profumata di fiori bianchi, tenace e pastosa al tempo stesso, salina quel tanto da sapere di mare e melliflua quel che basta per aver gusto di Paradiso. Non c’è tartufo che possa tenergli testa per finezza e non c’è palato che possa resistere al suo conturbante aroma.

I commenti sono chiusi